Formula 1

Alla scoperta di Robert Kubica

Il 7 Dicembre del 1984 nella città di Cracovia nasceva uno dei piloti che più ha caratterializzato la Formula 1 tra il 2006 e 2011, Robert Kubica.

Salito sul suo primo kart già all’età di 4 anni, all’età di 10 gareggia già nella massima competizione polacca dei Go-Kart. Un talento che cresce velocemente nelle categorie minori di Formula 1, al punto che nel 2006 la BMW Sauber lo ingaggia come terzo pilota, divenendo il primo polacco nella massima competizione motorista.

I terzi piloti hanno sempre pochissimo margine di girare in pista e in quei pochi chilometri, devono dare il massimo per poter impressionare i vertici alti del proprio team. Sfortuna, per Jacques Villeneuve, vuole che proprio in quella stagione subisce un grave incidente ad Hockenheim, gara che chiuderà definitivamente la carriera in Formula 1 del canadese. Si, perché a bordo della vettura svizzero-tedesca ci salirà Robert Kubica, impressionando tutti.

Sfortuna, questa volta per Robert Kubica, che ne ha avuta fin troppa in vita sua, porta il polacco ad essere squalificato nella sua gara di debutto nonostante il settimo posto conquistato. Motivo? Vettura sottopeso di 2Kg. Prestazione che convince il team a confermare Robert Kubica per il resto della stagione. Stagione in cui il polacco è riuscito a pizzarsi sul gradino più basso di un podio che tutti portiamo nel cuore: Monza.

Il 2007 è stato l’anno della consacrazione del pilota perché in questo sport non ti bastano un paio prestazioni per diventare il migliore, costanza, velocità e determinazione sono le chiavi del successo. Sesta gara della stagione, Canada, forse un po’ gufata da Villeneuve o dai suoi tifosi, che portarono ad un tremendo incidente per Robert, uscito quasi del tutto indenne con quelle immagini che sono scolpite nella mente di ogni appassionato del Motorsport. Il cracoviano salta la gara successiva e al suo posto in quella gara iniziò la carriera di un tedesco che ha vinto 4 titoli mondiali filati, ma questa è un’altra storia. Robert ritorna in Francia con un ottimo 4° posto.

La stagione 2008 è stata in assoluto la migliore, coronata dalla prima ed unica vittoria. Dove? Canada, dove tutto è iniziato e dove tutto poteva tragicamente finire l’anno precedente. Al termine del campionato colleziona un totale di 6 podi ed una vittoria, 75 punti totale e 4° nella classifica mondiale.

L’anno successivo, si libera il posto di Fernando Alonso in Renault, diretto a Maranello in Ferrari e Robert Kubica pronto a sostituirlo. Renault in crisi di risultati ma che concede comunque al polacco tre podi. Il confronto con il compagno a termine della stagione è impietoso, 136 punti per lui contro i 27 di Petrov, un russo non molto veloce.

6 febbraio 2011, tragedia e sfortuna. Ronde di Andorra nel Comune di Testico (Savona), ha provocato gravissime lesioni al pilota, incluse una frattura alla gamba destra, un’emorragia interna e lesioni multiple alla mano, alla spalla e al braccio destro. Il copilota? Come se nulla fosse, nemmeno un graffio.

Il ritorno in Formula 1 avviene nel 2017, sei anni dopo, solo nei test però con Renault e successivamente Williams. Williams che decide comunque di dare un’opportunità a quel talento inespresso, prima nel 2018 come terzo pilota e poi nel 2019 come titolare regalando in Germania l’ultimo punto iridato della team inglese.

Nella stagione 2020, a causa di mancanza di fondi, la Williams preferisce il giovane talento canadese Latifi. Il Canada, quante volte ritorna in questa storia? Per Robert Kubica non resta altro fare il terzo pilota dell’Alfa Romeo Sauber perdendo i pochi capelli rimasti.

LINK UTILI

Altro su Formula 1: https://www.developersumo.com/category/formula-1/
I nostri Corsi: https://www.developersumo.com/corsi
Pagina Instagram: https://www.instagram.com/developer_sumo/
Le nostre App: https://play.google.com/store/apps/developer?id=Developer+Sumo

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

You may also like

More in:Formula 1

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *