Social NetworkTecnologia

Cos’è e come fare un Vlog

Se siete abituati ad usare la tecnologia è abbastanza probabile che siate giovani e che passiate molto tempo sui social e se passate molto tempo sui social avrete sicuramente sentito la parola Vlog.

Per rispondere alla domanda “cos’è un Vlog?” potremmo dire che lo dice la parola stessa, di fatto Vlog è l’abbreviazione delle parole video-blog.

Cos’è un blog è abbastanza facile rispondere, è semplicemente un angolo di internet nella quale un utente (il blogger) proprietario del blog decide di esprimere la sua opinione o i suoi pensieri personali scrivendoli e altri utenti possono leggere ciò che il blogger scrive, in certi casi potendo anche commentare.

Il Vlog si tratta di fare quello che si faceva prima con il blog ma tramite video.

Caratteristiche dei Vlog

Il Vlog può essere visto in qualsiasi momento grazie agli smartphone.

La differenza con i blog è che mentre leggere quello che scrive una persona è un’azione “attiva” e richiede il suo tempo, guardare un video per quanto lungo sia consiste in un azione “passiva” quindi meno faticoso, oltre questo il fatto che si usino video per parlare di ciò che si vuole affrontare, porta ad esprimere con più immediatezza i concetti e un impatto visivo si dimostra sicuramente più efficace.

Di fatto parlando, con i gesti, le espressioni o il semplice tono di voce puoi far esprimere meglio ciò che senti o far intendere meglio ciò di cui vuoi parlare, se non addirittura poter parlare di argomenti che con un blog non potevi affrontare.

Come fare un Vlog?

Per quanto possa sembrare, fare dei Vlog non è più facile rispetto a fare dei Blog, per cominciare un Vlog che si rispetti deve avere una regolarità, un appuntamento fisso da cui i fan possano aspettarsi con certezza dei contenuti.

Oltre alla fase di ripresa video, c’è anche la fase di montaggio, dove è necessario (se non si vuole pagare un persona apposita) saper usare un minimo qualche programma di montaggio video, in certi casi alcuni vlogger registrano l’audio con un microfono esterno (in genere migliore di quello della telecamera con cui riprendono) e così facendo oltre al montaggio delle immagini c’è anche il montaggio audio.

Oppure ancora comprare un tipo di lampada per poter avere l’illuminazione migliore.

La qualità grafica del video dev’essere di buona qualità perché un video con una risoluzione scarsa, stanca e allontana il potenziale visitatore che trova per caso il tuo contenuto.

Ci sono comunque delle eccezioni, alcuni tipi di vlog non necessitano di tutta questa fatica, di fatto alcuni vlog consistono in brevi video fatti con lo smartphone nella quale il vlogger parla dando del “tu” allo spettatore, avendo così una comunicazione più semplice ed efficace, Ciò non toglie che il video dev’essere gradevole un minimo alla vista e ciò che si dice all’interno del vlog deve sentirsi bene altrimenti l’utente perde di interesse.

Ad esempio i sondaggi nelle storie di Instagram sono un ottimo esempio vlog, dove si richiede all’utente di partecipare alla discussione, per quanto in maniera limitata.

Con gli odierni sistemi di vlog è possibile interagire con gli utenti tramite diversi modi, ma adesso andiamo a vedere le piattaforme e i modi con la quale è possibile iniziare la propria attività di vlogging, ma prima di tutto vogliamo dirvi che il vlog è un tipo di arte e l’arte è un linguaggio, quindi usate tutto quello che avete a disposizione per poter comunicare quello che avete da dire e quello che sentite o volete far sentire

Esempi di vlog

Oggigiorno i Vlog sono uno dei tipi di contenuto, maggiormente presenti sull’odierno web e le principali piattaforme di questo prodotto hanno milioni di utenti sparsi in tutto il mondo che pubblicano contenuti ogni giorni, così tanti contenuti che se tutta Manhattan lavorasse ventiquattro 24 ore su 24 per controllare ognuno di questi video che escono, non si riuscirebbe a controllare tutti quelli pubblicati in un solo giorno.

Le piattaforme più famose che portano questi contenuti sono:

Facebook, tramite il suo sistema di stories e di video postabili sul proprio account è un ottima piattaforma nella quale è possibile procedere con la propria attività di vlogging, il difetto di facebook è che in tempi recenti ha subito drastici cambiamenti sul tipo di utenza, dove ora mai l’età media supera i 30 anni, sta a voi vedere questo come campanello di allarme per non usare questa piattaforma o come occasione per espandere il vostro bacino di utenza.

Instagram, considerato impropriamente il “figlio” di Facebook ha un sistema di stories e di video-post molto simile se non identico a quello presentato da Facebook, l’unica importante differenza è che l’utenza qui è molto più giovane prendendo per la maggior parte utenti dai 30 anni in giù.

Gli strumenti con la quale un creators può vloggare con Instagram sono molto numerosi, tutto sta nel fatto che nel sistema di telecamera interno all’app permette di effettuare diverse azioni:

  • Principalmente ad ogni video (sia come stories sia come post) un fun (che qua sono chiamati followers) può commentare mandando così un messaggio che arriverà in chat privata al Vlogger, se si commenta un post il commento sarà visibile da altri utenti, se si commenta una storia il commento verrà inviato tramite chat privata al vlogger, dando così la possibilità ai followers di poter scrivere al loro idolo avendo anche un minimo di intimità;
  • Nelle stories poter creare un riquadro con 2 scelte possibili i cosi detti “sondaggi”, dove chi guarda il video può cliccare una delle 2 scelte, il sistema calcolerà volta per volta la percentuale di utenti che fanno una scelta o l’altra;
  • Sempre nelle stories è possibile inserire dei brani musicali avendo anche la possibilità di far scorrere il testo;
  • Instagram prendendo spunto da altri siti come Snapchat e permette sempre attraverso di la telecamera interna all’app di poter effettuare vari effetti nei video in particolare si possono modificare in modo buffo i volti, facendo apparire orecchie da coniglio oppure  facendo vedere un’immagine con un tipo di filtro.

TikTok è il social che al momento sta cavalcando l’onda del successo, è una piattaforma che permette di fare video ed effettuare un montaggio. Una cosa che la resa celebre sono i famosi “balletti di TikTok” dove i creators facevano per l’appunto dei passi di danza a ritmo di una musica che era stata aggiunta nel montaggio, un’altra particolarità è che molti utenti hanno sfruttato la possibilità di mettere un audio in sottofondo nei video per poter fingere di dire, muovendo al momento giusto la bocca, di avere la voce di un comico o di un qualche attore, avendo l’effetto di riprodurre in maniera efficace molti schech comici.

Molti utenti provenienti da altre piattaforme hanno provato a portare i loro contenuti qui con un discreto successo, ciò che è particolare di TikTok è che i video di questo sito sono molto brevi, non c’è una vera è propria Home c’è solo la possibilità di scorrere tra i video.

C’è da dire che TikTok ha l’algoritmo più meritocratico tra le piattaforme, di fatto quando ti iscrivi mette i tuoi contenuti tra migliaia di utenti casuali che potranno scegliere se lasciare un mi piace, un commento, un like o seguire il tuo profilo, dopodiché smette di far apparire i tuoi contenuti su un numero enorme e randomico di persone per mostrarti su un piccolo numero casuale di utenti, ma soprattutto ai tuoi followers che ti sei guadagnato con la prima ondata che TikTok ti ha messo a disposizione, in questo modo se i tuoi contenuti hanno successo saranno i tuoi stessi fan a mantenerti a galla.

Ed eccoci arrivati all’apoteosi delle piattaforme di video Vlog, YouTube e Twitch sono due piattaforme molto simili ma che portano avanti milioni di milioni di vlogger.

YouTube, permette di caricare video di qualsiasi per e con qualsiasi tipo e di qualunque durata, potendo così aumentare la complessità dei temi da trattare, dato che su questa piattaforma non c’è l’immediatezza che hanno TikTok o Instagram.

I vlogger che postano contenuti su questo sito sono detti YouTuber, e ogni video può ricevere: mi piace, non mi piace, commenti che possono ricevere a sua volta mi piace e non mi piace, ogni YouTuber può avere i cosiddetti “iscritti al canale”, cioè ogni visitatore può cliccare un bottone con su scritto “iscriviti” cosi facendo aiuterà quel vlogger a crescere.

Di recente hanno inserito i sondaggi con più scelte e storie al sito per poter avere una maggiore comunicazione tra creatori di contenuti e utenti che li seguono

Twitch, rivale di youtube permettendo probabilmente il massimo della comunicazione tra creatori di contenuti e followers tramite una barra dei commenti che il vlogger può leggere nel momento stesso in cui registra il video, questo è possibile perché a differenza di Youtube, Twitch non si basa su video montati e postati ma su le “live” dove un vlogger in tempo reale si riprende e comunica tramite una barra dei commenti istantanea con i followers che scrivono e pongono domande, anche YouTube permette di effettuare live di questo tipo e anche Twitch ha un sistema di iscritti, le live vengono salvate automaticamente sul sito.

Il motivo per la quale questo sito è diventato il rivale di Youtube è che gli utenti di twitch ricevono un compenso maggiore rispetto a youtube, spingendo così tanti creators a passare da una piattaforma all’altra.

Consigli

Il mondo del video-blog è un mondo grande e immenso dove è difficile sgomitare per emergere. Il consiglio che noi di Developer Sumo vi diamo è quello di creare contenuti in linea con la vostra personalità e di creare qualcosa nella quale riusciate a metterci veramente voi stesso, questo perché a volte non è importante cosa fai ma come lo fai e ricordatevi di lavorare su post nel quale siete esperti così da avere sempre una bussola ed evitare brutte figure, perché le community dei social non sempre educate e non hanno molta difficoltà a far intendere la loro opinione sul prodotto che portate.

LINK UTILI

Altro su Social Network: https://www.developersumo.com/category/social-network/
I nostri Corsi: https://www.developersumo.com/corsi/
Pagina Instagram: https://www.instagram.com/developer_sumo/
App su Play Store: https://play.google.com/store/apps/developer?id=Developer+Sumo

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *